25 October 2018

Come costruire un Team invulnerabile a ogni calamità

Ovvero come superare le sfide del Team con coraggio e disciplina

Approfittiamo di questo articolo per approfondire i contenuti di uno dei testi che vi abbiamo consigliato di leggere sotto la vostra calda copertina di pile preferita. Come anticipato, si tratta di “The Five Dysfunctions of a Team” di Patrick Lencioni (in italiano La guerra del team: racconto sulle 5 disfunzioni del lavoro di squadra). Un testo, non recentissimo ma pieno di spunti sempre validi e attuali, il cui scopo è quello di trasmettere al lettore le conoscenze su come costruire un Team in grado di superare le cinque disfunzioni che potenzialmente possono affliggerlo.

Quali sono le cinque disfunzioni del Team individuate dall’autore?

  1. Assenza di Fiducia: la paura di rendersi vulnerabile di fronte agli altri prendendo coscienza dei propri errori, debolezze e richieste d’aiuto impedisce di creare una base sana e solida di fiducia nel Team
  2. Paura del Conflitto: il desiderio di preservare un’armonia artificiale sopprime i conflitti produttivi e i dibattiti di idee non filtrati e appassionati; il risultato sono decisioni banali e prive di qualsiasi stimolo al miglioramento
  3. Mancanza d’impegno: impedisce ai membri del Team di dedicarsi veramente a portare avanti le decisioni prese nei meeting creando ambiguità in tutta l’organizzazione; in un ambiente del genere le persone, soprattutto le più talentuose, si sentiranno scontente e frustrate
  4. Sottrarsi alla responsabilità: senza dedizione a un vero piano d’azione, anche i più determinati hanno timore a richiamare i propri compagni su azioni controproducenti; il rischio è quello di assestarsi su bassi standard
  5. Disattenzione ai risultati comuni: in questo ambiente prevalgono gli obiettivi dei singoli (l’ego, la carriera, i riconoscimenti, …); i risultati aziendali risentiranno sicuramente della perdita della visione dell’organizzazione nel suo insieme.

Qual è la ricompensa per l’azienda che ha al suo interno Team coesi e performanti?

Se l’obiettivo dell’azienda è quello di differenziarsi da tutte le altre, avere al proprio interno dei Team che lavorano in maniera unita ed efficiente è un ottimo punto di partenza al fine di creare il proprio vantaggio competitivo. I Team veramente validi odiano perdere il loro tempo sui problemi sbagliati e riprendere in mano le stesse cose ancora e ancora e ancora: una volta che si affronta una situazione la si affronta subito nel migliore dei modi arrivando a decisioni di alta qualità in meno tempo possibile con poche distrazioni e frustrazioni. Inoltre, le persone di talento raramente lasciano un Team in cui si sentono veramente utili e apprezzati.

 

Oltre a consigliarvi di leggere attentamente questo libro ricco di ispirazioni e metodi, ecco alcuni semplici esercizi che possiamo fare per far crescere il nostro Team funzionale:

 

01/ FIDUCIA – RIUNIONI INFORMALI

Proporre alla squadra una riunione informale periodica (ad esempio, una breve colazione prima di iniziare la settimana) e condividere obiettivi raggiunti, metodi e prossime sfide.

Suggerimenti per il Leader: prima di cominciare, può essere utile per conoscersi meglio, fare un giro di tavolo e invitare i partecipanti a raccontare qualcosa di personale che gli altri non conoscono.

Inizia tu il round!

 

02/ CONFLITTO – LA GESTIONE

Individuare i membri del Team che tendono a evitare il conflitto e organizzare una riunione per portare alla luce i disaccordi sepolti e affrontare queste questioni sensibili.

Poi, supportare i membri del Team a lavorarci per arrivare a una soluzione.

Suggerimenti per il Leader:

-Concretizza il tempo

-Sostieni il conflitto fino a che non viene risolto

-Non interrompere la discussione

-Fai attenzione a quando i partecipanti non sono più a proprio agio con il livello di disaccordo e interrompili per ricordare che quanto stanno facendo è necessario

-Una volta che la riunione è finita, ricorda ai partecipanti che il conflitto è di valore per il Team e non qualcosa da evitare nel futuro

 

03/ IMPEGNO – ANALISI DELLE EMERGENZE E DELLO SCENARIO PEGGIORE

Discutere brevemente i piani di emergenza delineando lo scenario peggiore per una decisione che si fatica a prendere.

Suggerimenti per il Leader: questo serve per ridimensionare le paure e i costi di una decisione che spesso sembrano più alti e più dannosi della realtà

 

04/ RESPONSABILITÀ – REVISIONE DELLO STATO DI AVANZAMENTO

Stimolare i membri del Team a comunicare l’un l’altro regolarmente su come ognuno sta riuscendo a raggiungere obiettivi e standard prestabiliti.

Suggerimenti per il Leader: includi nella tua agenda dei momenti in cui incontrare ogni membro del Team e fornirgli un feedback su comportamento e performance

 

05/ RISULTATI – IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DI GRUPPO

Fissare nella programmazione di un progetto anche i momenti di celebrazione dei successi raggiunti.

Suggerimenti per il Leader:

Nel caso di un risultato positivo, festeggiamo insieme!

Nel caso di risultato negativo, riflettiamo insieme sul perché e festeggiamo l’apprendimento!