Il visual merchandising è un tema già noto ai nostri lettori, tuttavia, in questo post vi proponiamo un ripasso generale sull’abc dell’allestimento utile anche perché manca poco a Natale! 🙂

In rete, sono molti i siti che offrono consigli sul “come fare” perciò noi di Smile to Move abbiamo selezionato quelli che più ci piacciono e che riteniamo indispensabili per creare un effetto “acchiappa-Cliente”.

Ecco il nostro decalogo:

1_PARTIRE DALL’ESTERNO

Cercate di sfruttare le potenzialità del negozio già a partire dallo spazio esterno alla vetrina. Fate una prova: cosa succede se installate un elemento insolito e attraente, una insegna scritta bene, un tocco di verde appena fuori dall’ingresso? Probabilmente potreste notare che lo sguardo dei passanti si focalizza sull’oggetto esposto e subito dopo sull’entrata dello Store.

01Esterno

https://it.pinterest.com/pin/382806037055539822/

 

2_STUZZICARE LA CURIOSITÀ

Date un buon motivo al Cliente affinché varchi la soglia del negozio: cercate di incuriosirlo ulteriormente attraverso la cosiddetta “Call to Action”, innescando una chiamata all’azione per mezzo di un messaggio breve, chiaro e accattivante come ad esempio:

  • Ogni sabato pomeriggio ti aspettiamo in negozio per una mini lezione gratuita di make-up. Chi ha voglia di imparare a farsi bello? Iscriviti subito: posti limitati, naturalmente!
  • Lasciati ispirare dal nostro Brand e prova a scrivere tu il pay off (slogan) aziendale: i migliori selezionati verranno inseriti nella nuova campagna pubblicitaria. Prendi subito il modulo di partecipazione in negozio!
02Curiosità

https://it.pinterest.com/pin/27092035239322470/

 

3_POTENZIARE L’INGRESSO

La zona d’ingresso, appena oltre la soglia, è un punto cruciale per “fare comunicazione” dove si possono allestire i prodotti di punta o in promozione. Per amplificare le potenzialità attrattive, fate in modo che gli articoli siano esposti a più livelli di altezza (e quindi di visuale) e ponete attenzione che sia sempre ben rifornito, evitando così un triste e scoraggiante effetto vuoto.

03Ingresso

https://it.pinterest.com/pin/522558362994044769/

 

4_DEFINIRE UNA STRATEGIA DI VISUALIZZAZIONE

A questo punto, ci si può davvero sbizzarrire ma sempre all’interno delle regole del visual merchandising! Possiamo decidere di suddividere la merce per:

  • gruppi di colori che attirano sempre l’attenzione. Provate ad accostare tinte che appartengono alla stessa nuance oppure al contrario in contrasto tra loro: che effetto fa? Utilizzate questo suggerimento per dare forza ai punti meno in vista dello Store o per sottolineare un display in particolare.
  • uso o target, sicuramente il modo più facile per l’orientamento del visitatore è suddividere le merci in base al loro utilizzo/funzione o secondo l’età del Cliente.
  • marca, identificando i singoli displays con il logo del Brand che se ben esposto produrrà già di per sé un effetto calamita.
04Strategia

https://it.pinterest.com/pin/306244843397642359/

 

5_CREARE UN’ATMOSFERA RICONOSCIBILE

La riconoscibilità dell’atmosfera può essere suggerita da un particolare utilizzo di luci, scenografie, fondali e colori, dall’allestimento tipico di vetrine e scaffali, dall’arredamento del negozio nonché per effetto dell’uso esperienziale dei cinque sensi. Ora chiedetevi: cos’è che rende riconoscibile tra tanti il vostro negozio? Come riuscire a potenziare il modo d’essere dello Store? Partite da qui.

05Atmosfera01

https://it.pinterest.com/pin/69665125467194610/

05Atmosfera02

https://it.pinterest.com/pin/251568329162802270/

 

6_RACCONTARE UNA STORIA

Sicuramente ci ripetiamo: individuare un tema che racconti una storia è ormai necessario per fare in modo che un negozio o una Azienda lasci il segno. Le persone, infatti, elaborano le informazioni molto più facilmente quando le ricevono sotto forma di una narrazione. A questo proposito, vi ricordate le nostra recente case history di Story? Leggete qui: COLLANA RETAIL – 05 DALLO STORE ALLE STORIE: UN NUOVO MODELLO DI VENDITA

Noi vi suggeriamo di non limitarvi ai classici temi che scandisco il passare delle stagioni (Natale, San Valentino, vacanze al mare o l’inizio della scuola): andate oltre! Si può partire semplicemente da un colore, una parola, una città del cuore…tutto può essere fonte di ispirazione! Le idee insolite e inaspettate possono dividere la critica ma inevitabilmente colpiscono l’attenzione del visitatore.

06Storia

https://www.parisperfect.com/blog/2016/11/christmas-windows-in-paris/

 

7_CAMBIARE SPESSO LOOK

Almeno ogni due settimane provate a cambiare la collocazione degli espositori, oppure riempiteli con i prodotti dei nuovi arrivi. Si tratta di un lavoro considerevole e che va sviluppato con una certa costanza poiché gli articoli in promozione e le novità hanno una scadenza. Alcuni elementi precedentemente esposti possono però essere mantenuti e raggruppati assieme agli ultimi arrivi, così da definire per essi un nuovo look e un percorso espositivo alternativo.

07Look

https://it.pinterest.com/pin/345792077619120774/

 

8_METTERE SEMPRE I PREZZI

Assicuratevi che tutti gli articoli in esposizione siano chiaramente etichettati perché senza prezzo la merce è come se non fosse neppure esposta e quindi ben lontana dall’essere venduta. E il Cliente non è mai troppo disposto a chiedere quanto costa qualcosa…

08Prezzi

https://it.pinterest.com/pin/26740191513476905/

 

9_USARE LE PAROLE GIUSTE

Cartelli di richiamo, didascalie e lavagne informative devono contenere il più possibile messaggi brevi e facili da leggere, utilizzando un font adeguato alla clientela (occhio al carattere e all’altezza!). Le scritte a mano vanno per la maggiore ma meglio astenersi da questa pratica se la grafia non è delle migliori! Sforziamoci inoltre di usare le parole giuste: quando ad esempio scriviamo “Non toccare” è come se comunicassimo “Non comprare!”. Questo è un errore che si commette spesso in buona fede, tuttavia vi suggeriamo di trovare modi più cortesi per comunicare la fragilità della merce. Ad esempio: “Lo Staff è lieto di aiutarvi nella prova degli articoli” oppure “Guardare si può! Per tutto il resto c’è lo Staff”.

09Parole

https://it.pinterest.com/pin/AQq0G0eAQ_wI3hvLH0mqWPDBiTL4omEoEVVAEFbccgqle16Cz7O-9O8/

 

10_NON PORRE LIMITI ALLA CREATIVITA’

In chiusura del nostro decalogo Smile vi incoraggiamo ad essere Store Manager curiosi, fantasiosi, creativi, superando il timore di sperimentare e di uscire dagli schemi. Tuttavia, sappiamo che il visual merchandising non è solo un’arte ma si basa su solide regole fondamentali: è indispensabile apprenderle e metterle in pratica prima di metterle in discussione! 🙂

10Creatività

https://it.pinterest.com/pin/98868154298576506/

 

 

Fonti: